Sauna e Bellezza

Basta un semplice bagno di calore per far traspirare ed eliminare, attraverso il sudore, le tossine e le scorie della pelle. Questo procedimento termico è tra i più antichi e conosciuti al mondo.

Pare, infatti, che già negli antichi insediamenti aztechi, le donne partorissero in una sorta di capanna “sudatoria”, così da poter beneficiare del calore lenitivo e rilassante per alleggerire le doglie.
Le tradizioni della sauna si sono conservate e perfezionate soprattutto in Finlandia e in Russia dove non è raro scorgere, sulle rive dei laghi e dei fiumi, casette di legno costruite a questo scopo.
Nell’immediato dopoguerra, la moda della sauna finlandese si è diffusa anche in Europa e negli Stati Uniti grazie al fatto che, tra l’altro, è considerata un ottimo metodo per rilassarsi e favorire un sonno salutare.

LA CABINA

Una sauna può trovarsi ovunque, magari all’aperto, vicino a un lago o a un corso d’acqua. Maestri di questa terapia sono i finlandesi che possono contare su una perfetta attrezzatura, adatta a soddisfare le persone più esigenti, non solo negli alberghi, ma anche in ogni casa privata.

  • L’interno e le panchine dove coricarsi devono essere in legno grezzo, di pioppo o abete.
  • La stufa può essere scaldata a carbone, legna, carbonella o elettrica. Sul forno, le pietre vulcaniche servono per incamerare calore e distribuirlo nell’ambiente. Ogni tanto si può gettare dell’acqua sulle pietre; questa, evaporando immediatamente, fa sì che la temperatura nella cabina cresca di alcuni gradi.
  • Un secchio e un mestolo per l’acqua (sempre di legno).
  • Il termometro da parete per controllare la temperatura.
  • Un orologio o una clessidra per misurare il tempo in pieno relax.
  • Rami di betulla o una salvietta umida per stimolare la circolazione sanguigna cutanea.

QUANTO TEMPO?

Solitamente, perché una sauna sia efficace, servono un paio di passaggi. La temperatura sufficiente per una buona traspirazione deve raggiungere gli 80°C.  E’ opportuno che il primo passaggio non superi i dieci minuti possibilmente senza vapore. Una volta usciti dalla sauna, si fa una doccia con acqua fredda (il getto deve essere dolce) per riportare la temperatura corporea a livelli normali. Viene, poi, il momento del riposo: avvolti in un accappatoio o con l’aiuto di coperte, ci si stende sul lettino. Questo tempo, non più di quindici minuti, può essere impiegato per rilassarsi.
Infine, si torna nella sauna per il secondo passaggio – circa altri dieci minuti – stando attenti a ripetere i medesimi accorgimenti. Al termine la pelle sarà più morbida ed elastica. Un breve massaggio con un buon Latte Corpo idratante terminerà il trattamento.

BERE ACQUA O SUCCHI

Con il sudore, nella sauna, si disperdono liquidi corporei e sali minerali. È, quindi, fondamentale reintegrare quanto perso. No a bevande zuccherate, stimolanti e, soprattutto, alcoliche, non solo durante, ma anche prima e dopo la sauna. Tra le bibite consigliate ci sono l’acqua non gasata, le tisane di lampone, malva, ortica, tiglio, i succhi di frutta o di verdura. Il momento più indicato per bere è, comunque, dopo la sauna. Prima di fare una sauna è importante chiedere consiglio al proprio Medico.

GLI EFFETTI POSITIVI

Dopo una buona sauna ci sente più rilassati e la sudorazione forzata ha eliminato molte scorie e tossine, i metabolismi locali sono stati stimolati ma, questa pratica non fa, di per se, dimagrire. Il peso che si è perso è costituito solo da liquidi che devono essere prontamente reintegrati per evitare dannose demineralizzazioni e disidratazioni.

SAUNA E BELLEZZA

La sauna disintossica in profondità e, quindi, rende la pelle luminosa e trasparente e i tessuti maggiormente elastici. Il bagno di calore, inoltre, favorisce il rilassamento e aiuta il sonno notturno. Infine, la circolazione sanguigna e linfatica sono migliorate e aumenta l’attività rigenerativa della pelle e dei tessuti. In pratica la sauna equivale a una pulizia profonda di tutto il corpo e rende la pelle maggiormente resistente agli agenti atmosferici, al freddo, al caldo, al vento e allo smog.


TAG Articolo: , , , ,
Manuela Blandino

Vive a Milano. Collabora con Laboratori di Ricerca e Sviluppo nell’ambito della cosmesi e del make up, soprattutto ad indirizzo biologico, green ed ecosostenibile. Docente di materie scientifiche presso una rinomata scuola di Osteopatia a Milano. Si occupa di formazione scientifica e di sperimentazione. Scrive articoli di cosmetologia su varie riviste quali Salute & Natura, Globo, MW e Playboy.

Articoli correlati